La Grosa in trasferta

Ieri mattina, su invito della sezione A.N.P.I. di Chieri, abbiamo partecipato alla posa del QrCode accanto alla targa dedicata a Domenico Folis nella scuola a lui intitolata a Pino Torinese.
Eravamo stati contattati per avere ragguagli su come realizzare i QrCode (che ormai sono presenti su quasi metà delle lapidi torinesi e stanno rapidamente crescendo) e, ben volentieri, abbiamo collaborato alla realizzazione.

Ieri, con una celebrazione vivace e commovente, una marea di bambini delle scuole di Pino Torinese e un bel numero di adulti di tutte le età assistevano alla presentazione del libro a fumetti sulla storia di Domenico Folis, giovane partigiano e alpino caduto nella Guerra di Liberazione, ideato per interessare anche il pubblico dei più piccoli alle vicende che hanno attraversato l’Italia in quegli anni apparentemente lontani..
Una bravissima maestra e una attenta dirigente scolastica, supportate da una ricettiva amministrazione locale, sono riuscite nell’intento, regalando il libro a tutti i bambini dalla terza elementare alla terza media.
Con la presidente dell’Anpi di Chieri abbiamo poi applicato (anzi, lo hanno attaccato due bimbi!) il QrCode accanto alla targa commemorativa all’ingresso della scuola.

Dialogo e collaborazione tra sezioni, coinvolgimento diretto di scuole e realtà sociali locali, presenza attiva delle istituzioni: questa è la ricetta che da sempre noi proponiamo per la buona riuscita delle iniziative sul territorio.

E questo è l’esempio che funziona.

Festa della Repubblica e giornata del tesseramento

Rieccoci. Rieccoci dopo un bellissimo 25 Aprile.

Rieccoci con la festa della RepubblicaRieccoci con la festa del tesseramento all’ANPI.

Festeggiamo la Repubblica nata dalla Resistenza con un concerto e un aperitivo da condividere insieme. Lo faremo in compagnia della musica del Trio Marilì a Casa Garibaldi. 

Vi aspettiamo per condividere nuove iniziative in programma e ascoltare suggerimenti e proposte.

Nella locandina tutte le informazioni.

Black Boy Fly, vi presentiamo il libro che lo racconta

Si intitola “Cuori selvaggi” l’edizione del Salone del Libro 2022 che si terrà dal 19 al 22 maggio. 

Anche noi della Grosa ci immergiamo in questa festa e lo facciamo, con il “cuore un po’ selvaggio” presentando il libro di un amico della nostra sezione e della nostra città (San Salvario in primis). E’ Marco Ballestracci l’autore, è Black Boy Fly – L’irresistibile ascesa di Major  Taylor – Edizioni PAGINE alvento il libro.

Lo facciamo, come ci piace fare, insieme a due realtà del territorio: ASAI e il bar ciclofficina Bicierin aggiungendoci la collaborazione di UISP Torino.

Il libro che presentiamo è la storia di Major Taylor, primo ciclista afroamericano a vincere un campionato del mondo di ciclismo nel 1899.

E’ una di quelle storie che a noi piace leggere e divulgare, che ci appassionano. 

Perché come dice l’autore, Marco Ballestracci, Black Boy Fly è il romanzo dell’ascesa di MajorTaylor, campione del mondo 1899 di ciclismo su pista, e nero, quando negli Stati Uniti, alla faccia del XIII emendamento, gli schiavi si continuavano a vendere. Forse più blues che ciclismo, ma è giusto così.”

Vi aspettiamo venerdì 20 maggio alle 17:00 in via Sant’Anselmo 27/e – Torino. Assisterete ad una presentazione assolutamente non convenzionale. Vi piacerà.

Con il Baretti: Il caso Moro, proiezione del film inchiesta

Venerdì 6 maggio 2022, ore 21

In collaborazione con con il cinema teatro Baretti e su richiesta di L’Eguaglianza APS Produzioni abbiamo organizzato la proiezione del film inchiesta “COM’È NATO UN GOLPE: IL CASO MORO” 

Saranno presenti:

Federico Fornaro, segretario della Commissione parlamentare di inchiesta sul rapimento e sulla morte di  Aldo Moro (XVII Legislatura).

Tommaso Cavallini, regista
Paola Baiocchi
e Andrea Montella, autori e produttori del documentario

“Nel documentario una nuova analisi balistica per fare luce sulla dinamica dell’attacco, un filmato inedito che svela la targa di un’auto presente in via Fani il 16 marzo 1978 di cui le indagini non hanno mai tenuto conto e l’ex agente Sismi “fonte Beirut2”, intervistato da Carlo Palermo, che riferisce di una foto scattata a Moro in un cortile durante la prigionia, a conferma del fatto che il presidente della Dc doveva morire e non per mano delle Brigate rosse, di come la guerra fredda era diretta da gruppi che controllavano sia Washington sia il Cremlino.” 

Nel film interviste a: Carlo Palermo, Sergio Flamigni, Carlo D’Adamo, Rita Di Giovacchino, Marcello Altamura, Martino Farneti

Qui, sul sito del cineteatro Baretti, tutte le info sui biglietti e il trailer del film.

Uno spettacolo a favore di Rainbow4Africa


BASTA!”
è il titolo dello spettacolo che si terrà il
27 aprile alle ore 21:00
presso il Teatro Q77, in corso Brescia 77 a Torino.

Con BASTA! si intende dire stop alla guerra, al suo orrore, alla possibile assuefazione che si porta dietro. Per reagire prima che l’inerzia e l’impotenza prendano il sopravvento, il Varietà’Lk – format che unisce spettacolo, comicità, divulgazione e appuntamento ormai fisso del mercoledì del Q77 – diventa solidale attraverso uno show con lo scopo di raccogliere fondi da devolvere a favore dell’Associazione Rainbow4Africa.

L’idea è della nostra associata Simonetta Benozzo che, insieme a Giampiero Perone e tanti altri noti comici torinesi, faceva parte del cast di Ciau Bale, la mitica trasmissione televisiva andata in onda venti anni fa della quale ci sono ancora divertentissime pillole su YouTube.
Mercoledì 27 aprile sul palco saliranno alcuni dei componenti degli sketch di allora insieme ai comici che compongono la squadra fissa del Varietà’Lk.

Ospite speciale il presidente di Rainbow4Africa Paolo Narcisi che illustrerà il loro intervento sul campo dei conflitti e in che modo possiamo sostenerli.

Sono diversi i soggetti istituzionali e privati che hanno aderito al progetto, a partire dal Q77 che ha messo a disposizione lo spazio.

Poi, ovviamente, Rainbow4Africa, una Onlus che opera nell’ambito dello sviluppo e della cooperazione internazionale, nata a Torino nel 2009 e costituita da medici, infermieri, altre figure sanitarie, ingegneri ed esperti informatici, che mettono a disposizione la loro professionalità ed esperienza.
Rainbow opera in paesi a risorse limitate, a Torino con i senza dimora, a Oulx per il soccorso ai migranti sulle montagne al confine francese e in contesti di emergenza. Oggi sono impegnati in Ucraina.

Ha sposato l’iniziativa anche la Rete delle Case del Quartiere, associazione che raccoglie le otto Case del Quartiere di Torino.

La nostra sezione Nicola Grosa, che ha già donato 400 euro a Rainbow4Africa per l’emergenza Ucraina, ha naturalmente fornito il proprio supporto e patrocinio.


Il prezzo del biglietto di ingresso è di 12 euro, l’incasso verrà devoluto a Rainbow4Africa, ma chi vorrà potrà contribuire ulteriormente con un’offerta libera.

Per prenotazioni compilare il form al link: https://forms.gle/5e7Lz7rdEcH2XuKBA

Presentazione del libro Porto Palazzo – Storie di partenze e approdi

E’ nelle nostre corde presentare dei libri coerenti con il lavoro della nostra sezione. Libri che raccontano storie di persone e crediamo, come scrive l’autrice del libro che vi proponiamo, “sia importante, specialmente in questo periodo storico, approfondire le narrazioni di chi si mette in viaggio, per necessità differenti, al fine di dare voce a chi ha il desiderio, universalmente condiviso, di migliorare la propria vita in un altro paese…

Il libro è Porto Palazzo – Storie di partenze e approdi; l’autrice è Amarilli Varesio che sarà accompagnata, oltre che dalla sua chitarra, da Rosina Chiurazzi di Migrantour Torino; il luogo è bello: saremo sotto il glicine del caffè ristorante Eria – Cinque petali da Luoghi comuni.

La presentazione è organizzata dalla nostra sezione in collaborazione con Libreria Claudiana, Migrantour Torino, Eria – Cinque petali e Viaggi solidali.

Venerdì 8 aprile alle 18:30
Caffè ristorante Eria, Cinque Petali
Via Pio V 11 Torino
(sotto il glicine)

Qui la locandina

Il 25 APRILE 2022 della Nicola Grosa

Elenchiamo qui tutte le iniziative che la nostra sezione propone per festeggiare e celebrare il 25 Aprile 2022. Le iniziative sul territorio cittadini sono consultabili qui scaricando l’opuscolo preparato dalla città di Torino e al quale abbiamo collaborato.

Si ringrazia l’Associazione Centro Studi di Letteratura, Storia, Arte e Cultura Beppe Fenoglio per la collaborazione e la concessione dei testi del reading teatrale “Sei tutto lo splendore” di e con Manuela Marascio e la collaborazione e autorizzazione nella realizzazione dei manifesti.

23 aprile ore 11:00 – Parco del Valentino (lato fontana 12 mesi)
Un ciliegio per Beppe Fenoglio
Inaugurazione dell’albero di ciliegio piantato al Valentino e dedicato a Fenoglio

24 aprile ore 15:30 – Cimitero Monumentale (ingresso visite corso Novara 131/A)
“E questo è il fiore.”
Passeggiata con l’ANPI Nicola Grosa seguendo il racconto resistenziale al Cimitero Monumentale di Torino
Per prenotazioni associazionepentesilea@gmail.com

25 aprile
ore 10:00 Cavoretto: Commemorazione istituzionale

PROGRAMMA
Ore 9:00 Messa 
Ore 9:30 Corteo fino a piazza Freguglia con la banda dei Vigili Urbani della città di Torino
Ore 10:00 Posa della corona e interventi istituzionali 
Dopo gli interventi istituzionali il corteo prosegue fino alla bocciofila dove sarà offerto un rinfresco offerto dalle associazioni organizzatrici.

Ore 12:30 – Casa del Quartiere di San Salvario: Pranzo Resistente

I Bagni municipali della Casa del quartiere vi aspettano con il piatto anarchico e il piatto resistente dalle 12:30 alle 14:30 nel cortile della casa del quartiere.
Costo €15 , di cui €2 verranno donati all’ANPI Nicola Grosa per la manutenzione delle lapidi del territorio di San Salvario.
Per info e prenotazioni anche da asporto tel. 329 1039730 bagnimunicipali@gmail.com

26 aprile ore 20:00 – CineTeatro Baretti
“Sei tutto lo splendore”
Reading teatrale di e con Manuela Marascio
a seguire Il partigiano Johnny di Giulio Chiesa
Link al programma dettagliato: https://www.cineteatrobaretti.it/cinema/portofranco/2021-2022/il-partigiano-johnny/

28 aprile ore 15:00 – Casa del Quartiere
Il progetto QrCode e Luigi Fabbris partigiano operaio raccontato dalla nipote Daniela Fabbris
Inziativa organizzata con SPI CGIL San Salvario

Qui la locandina

30 aprile ore 10:00 – Biblioteca Civica Ginzburg
“Il tram cronaca di una giornata sotto le bombe”
Inaugurazione mostra della graphic novel di Roberto Albertini con la partecipazione del coro ASAI  
Qui la locandina
 
5 maggio ore 18:00 – Biblioteca Civica Ginzburg
“Sei tutto lo splendore”
Reading teatrale di e con Manuela Marascio – maggiori info sul sito della biblioteca

10 maggio ore 18:00 – Cooperativa Borgo Po
“Sei tutto lo splendore”
Reading teatrale di e con Manuela Marascio Qui locandina

Giorno della Memoria: presentazione de “Il pane perduto” di Edith Bruck


Come negli anni scorsi anche nel 2022 la nostra sezione propone iniziative per la commemorazione del Giorno della Memoria.

Lo facciamo patrocinando lo spettacolo teatrale Vedremo la stessa luna e con la presentazione del libro di Edith Bruck “Il pane perduto”.  

In occasione della presentazione del romanzo di Edith Bruck inaugureremo lo scaffale a noi dedicato dalla biblioteca Ginzburg. Ed è proprio dallo scaffale che abbiamo scelto il libro da presentare che è stato donato da Cooperativa Letteraria che curerà la presentazione.

Alla presentazione interverranno da remoto Edith Bruck, in presenza Dario Disegni, Federica Tammarazio per ANPI Nicola Grosa, Caterina Arcangelo Cooperativa di Letteraria e Municipale Teatro.

Ringraziamo Gemma Cassia per la collaborazione.

Nel rispetto delle norme di contrasto e di contenimento della diffusione del coronavirus SARS-CoV-2 la partecipazione sarà possibile esclusivamente su prenotazione. Le richieste di partecipazione dovranno pervenire al numero 01101137671/72 o via mail biblioteca.ginzburg@comune.torino.it 

Di seguito la locandina 

Commemorazione 18 dicembre 1922

Esserci è importante e noi ci saremo. Noi ci saremo soprattutto dopo ciò che è successo a Roma recentemente quando una squadraccia fascista (e non solo) ha assaltato la sede della CGIL e drammaticamente ha riportato alla memoria il 1922 a Torino. Noi ci saremo alla commemorazione organizzata dal  comune di Torino insieme a CGIL CISL UIL e ANPPIA e dove interverranno Bruno Segre, Elena Petrosino e il sindaco Stefano Lo Russo.  Noi ci saremo e invitiamo tutti ad esserci.

Riportiamo dal sito dell’ANPI Nazionale:


“A Torino fra il 18 e il 20 dicembre del 1922 le squadracce fasciste compirono una strage. Nell’eccidio furono assassinate 11 persone e ferite 30, soprattutto sindacalisti, ma anche comunisti finiti nel mirino delle camicie nere dopo che, il giorno prima, un tranviere comunista, appunto, era riuscito a sfuggire ad un agguato fascista uccidendo due degli aggressori. La rappresaglia guidata dal Pietro Bradimarte fu atroce, con l’assalto alla Camera del Lavoro, poi anche al Circolo comunista di Borgata Nizza e al Circolo dei Ferrovieri. Per sfregio i fascisti legarono ad un camion il corpo del segretario torinese della Fiom, Pietro Ferrero, e ne trascinarono il corpo, martoriandolo. Benito Mussolini telefonando al prefetto di Torino disse: «Come capo del fascismo mi dolgo che non ne abbiano ammazzato di più; come capo del governo debbo ordinare il rilascio dei comunisti arrestati».

Per il giornale l’Avanti fu Filippo Acciarini, grande figura di giornalista e antifascista, a raccontare quella mattanza. Acciarini pagherà con la vita, morendo nel campo di sterminio di Mauthausen, il suo impegno antifascista. Per ricordare i 90 anni dal massacro proponiamo gli articoli che il cronista socialista scrisse in quei giorni.”

Qui il link al sito con l’articolo completo.

Il manifesto della commemorazione:

Resoconto del congresso di sezione 2021

Si apre la lunga stagione congressuale che porterà, da qui a febbraio prossimo, a rinnovare le dirigenze dell’A.N.P.I. nazionale, provinciale e di sezione.
Il presidente uscente, Raffaele Scassellati, si è portato avanti e ha convocato il congresso della nostra sezione sabato 23 e domenica 24 ottobre, ospiti del cinema Ambrosio, grazie alla cortese amicizia di Sergio Troiano e del suo staff.

Due mattinate intense, iniziate sabato con il saluto della segretaria del circolo PD di San Salvario Adriana Carpenzano, del segretario della sezione otto di Articolo Uno Marco Cetini, della presidente dell’Agenzia di Sviluppo di San Salvario Giovanna Solimando e della presidente del concistoro valdese di Torino Patrizia Mathieu. Quindi si è proseguito con l’elezione del presidente del Congresso nella persona di Emilio Delmastro, non nuovo in questo ruolo.
È seguita la relazione del presidente uscente sui suoi due mandati, dieci anni di intensa attività: i rapporti stretti con l’associazionismo e con le quattro comunità religiose, i continui interventi a supporto dei rifugiati, i dialoghi con realtà diverse e disagiate, le iniziative come “A passo di Resistenza” per coinvolgere giovani e scuole del quartiere, l’indimenticabile concerto di Gian Maria Testa, con Gian Carlo Caselli al Tempio Valdese, per aiutare il Museo della Resistenza in difficoltà, la pubblicazione e la distribuzione della Costituzione Italiana tradotta in arabo presso la Moschea di San Salvario, la continua e assidua cura per le lapidi dei Partigiani del quartiere (e del Centro e Crocetta), culminata con l’ultima iniziativa dell’applicazione dei QrCode alle nostre lapidi con la prospettiva di allargarla a tutta la città e non solo…

Qui potete leggere l’intervento completo di Raffaele Scassellati.

Si è dato quindi inizio al dibattito.

Il tema principale era il Documento congressuale della direzione nazionale e ha subito preso la parola Augusto Montaruli che ha proposto un emendamento al testo proponendo la creazione di un Osservatorio della Costituzione nazionale che monitori la reale applicazione della Carta nata dalla Resistenza.
Ha poi anche proposto la creazione di iniziative nel quartiere per sottolineare l’appoggio di associazioni e realtà commerciali alle attività dell’A.N.P.I. e la proposta della commemorazione del centenario di Beppe Fenoglio il prossimo anno.

Rosanna Barello ha proposto l’istituzione di una tessera per i giovani tra i 14 e i 26 anni a un prezzo simbolico.

Massimo Pizzoglio ha sottolineato come debba partire l’impulso da parte delle direzioni provinciale e nazionale all’adeguamento tecnologico delle sezioni ai mezzi di comunicazione correnti, spingendo anche molte sezioni a una maggior collaborazione e interscambio di esperienze.  Ha insistito anche sul maggior impegno che dovrebbero avere gli associati.

Federica Tammarazio ha rimarcato l’importanza della narrazione dei contenuti che sottendono le lapidi dei caduti proponendo di riprendere il progetto “Dal monumentale ai quartieri” ideato da AFC Cimiteri di Torino con ANPI, ANED e ISTORETO nel 2015 e proseguire quanto realizzato, con una mappatura delle persone sepolte al Campo della Gloria abbinando al luogo di sepoltura l’indicazione topografica della lapide commemorativa in città.

Ha aggiunto, inoltre, che “sarebbe di grande valore proporre momenti dedicati al ricordo e alla diffusione dei valori di costruzione della memoria civile  di cui Nicola Grosa è stato fautore.”

Raffaele Scassellati ha ricordato inoltre come sia importante mantenere la vigilanza sul futuro di Pian del Lot e della caserma di via Asti, questioni tuttora irrisolte da parte dell’amministrazione comunale, e ha proposto anche di organizzare iniziative a favore delle donne afghane.

Su queste mozioni e sull’emendamento la Commissione Politica ha espresso parere favorevole ed sono stati votati dall’aula all’unanimità.

Qui potete leggere il documento della commissione politica con gli emendamenti e le mozioni.

Si conclude così la prima mattinata congressuale.

La domenica continua il dibattito e si aggiungono gli interventi del presidente della Comunità Ebraica, Dario Disegni, che ricorda la continua collaborazione con la nostra sezione e l’importanza di mantenere alta la guardia nei confronti dei continui rigurgiti di neofascismo e del deputato Andrea Giorgis, che ha sottolineato il grande impegno e la costante collaborazione di Raffaele Scassellati in così tante iniziative, anche a livello nazionale.

Si è quindi proceduto alle candidature per il prossimo comitato e per i delegati al congresso provinciale di gennaio.
E si è votato.

Sono stati eletti (in ordine alfabetico): Rosanna Barello, Carlo Bassi, Simona Guida, Hassan Khorzon, Augusto Montaruli, Paola Parmentola, Massimo Pizzoglio e Federica Tammarazio , tutti all’unanimità.

Per il Congresso provinciale sono stati delegati: Augusto Montaruli, Massimo Pizzoglio, Raffaele Scassellati e Federica Tammarazio.

A questo punto Carlo Bassi e Massimo Pizzoglio hanno proposto di creare una carica non prevista in regolamento, cioè di designare Raffaele Scassellati Presidente Onorario dell’A.N.P.I Nicola Grosa, proposta che è stata accettata a furor di popolo, anche dall’osservatore della direzione regionale, Francesco Salinas.

Si è quindi riunita, in separata sede, la neoeletta Commissione (composta da quattro donne e quattro uomini) che ha a sua volta eletto il nuovo presidente Augusto Montaruli, con i vicepresidenti Rosanna Barello e Hassan Khorzon e il tesoriere Carlo Bassi.

E così si è concluso il nostro congresso, con l’unico rammarico di una partecipazione un po’ scarsa di soci, ma questa è un’altra storia che ci porterà a riflettere.